02 7600 0069 info@sarpi.it
Seleziona una pagina

Citylife, Portello ed aree Expo in espansione. In tre anni saranno investiti 5 miliardi. Il Pharo sarà la nuova spettacolare torre di 13 piani.

Sarpi Gruppo Immobiliare | Citylife vista dall'alto

La crisi del mattone a Milano è finita. Archiviata definitivamente. Parola di Mario Breglia, presidente dell’istituto di ricerche Scenari immobiliari, che aggiunge: «Il futuro sviluppo urbanistico dei prossimi tre anni si giocherà nel quadrante ovest della città, con almeno trentamila alloggi messi in vendita. Di questi, un terzo saranno di nuova costruzione». I quartieri al centro dello studio sono Citylife, Portello e aree Expo, su cui l’esperto è ottimista. Lì intorno «si concentra già adesso un terzo delle compravendite milanesi. È la zona più popolata e nei prossimi anni diventerà ancora più vissuta e vivace – stima Breglia -. Di qui al 2020 saranno investiti 5 miliardi di euro, quasi tutti privati». La ripresa si vede ovunque in città, e non solo per il numero delle transazioni che già nel 2015 aveva fatto tirare un mezzo sospiro di sollievo. «Ora ripartono anche i prezzi, e virano in positivo per la prima volta dopo anni», dice l’analisi. In questo contesto l’Ovest, ancora una volta, brilla: «Pronto ad un pieno e deciso boom».

E in tutto questo l’assessore Alessandro Balducci rassicura: «L’area ovest è quella più interessante non solo dal punto di vista delle trasformazioni urbanistiche ma anche a livello di servizi, perché si candida a diventare nuovo asse degli studi scientifici avanzati», riflette. Ci sono poi, già in atto, progetti concreti, anche in fase avanzata. Nell’area di Citylife entro il 2018 si popolerà il «Dritto», grattacielo di Allianz progettato da Arata Isozaki, e verrà completato lo «Storto» di Generali ideato da Zaha Hadid. Mentre a riempire il «Curvo», la terza torre opera dell’architetto Daniel Libeskind ancora tutta da edificare, secondo fonti finanziarie potrebbe essere Intesa Sanpaolo, tra l’altro molto esposta sul progetto. Lì vicino, sui padiglioni di Fondazione Fiera al Portello, e con tempi da definire, il costruttore bergamasco Vitali, dopo il ritiro del progetto dello stadio da parte del Milan, dovrebbe sviluppare la sua «Milano Alta», con la pista ciclopedonale sopraelevata e grandi spazi commerciali.

Ancora: lì vicino, tra via Gattamelata, Teodorico e Traiano, nel grande isolato svuotato da anni, dovrebbe sorgere il Pharo, nuova spettacolare torre direzionale da almeno 15 piani, tutta di vetro. Infine c’è l’imponente riqualificazione di Parco Vittoria, che prende il nome dall’investitore (Vittoria assicurazioni) e sarà inaugurato a giugno. Ai primi del Novecento c’era lo stabilimento Alfa Romeo, ora ci sono sei avveniristiche torri di vetro con 500 alloggi nuovi di zecca, un giardino di 80 mila metri quadrati con tanto di laghetto, sculture green e la panchina più lunga d’Europa (120 metri). Il centro direzionale si snoda intorno a piazza Gino Valle, di fianco al ponte ciclopedonale: lì vicino al momento campeggia Casa Milan. Scenari immobiliari stima per quel quadrante di Milano quotazioni in rialzo del 3,7 per cento nel 2016 e del 4,8 per cento nel 2017, meglio che in qualsiasi altra zona. «In cinque anni i prezzi, indice di buona salute del mercato, saliranno del 19 per cento. Contro il 13,1 della media cittadina».

Sarpi ti consiglia

Se sei proprietario di un appartamento a Milano e vuoi venderlo per acquistare casa nel quadrante ovest della città, chiamaci! Noi possiamo aiutarti con una vendita veloce e conveniente!

Sarpi Immobiliare n.1 a Milano

Devi vendere o acquistare casa? Chiamaci subito allo 02 7600 0069, anche solo per dei consigli gratuiti! Chiedi di Emanuele Barbera, Presidente Sarpi Immobiliare Milano!